Martedì 5 dicembre, nell’accogliente chiesetta sconsacrata Santa Marta di Ivrea, si è tenuta la presentazione delle Cavallette, la rivista della Grande/Piccola Invasione, festival letterario già alla quinta edizione, realizzata interamente da ragazze e ragazzi da in 14 anni in su che, attraverso articoli, interviste, fumetti e illustrazioni hanno raccontato il “loro” festival, vissuto in prima persona. Tra le cavallette, anche degli studenti del nostro Liceo.

Ad aprire la serata c’è stato Gianmario Pilo, libraio della Galleria del Libro che da anni si occupa dell’organizzazione della Grande Invasione (contattare gli ospiti e gestire le finanze) e che, inizialmente, non era intenzionato a stampare la rivista. Questo perché, anche se in una tiratura limitata di 100 copie, per il formato, i colori e il tipo di carta, il costo complessivo non era di certo trascurabile.
Ma grazie ad una cavalletta, Matteo Braghin, piaga biblica molto determinata, e a Paolo Vinçon e Silvia Carnaroglio, che insieme formano Ladittàrte, hanno continuato il progetto in segreto e, nel giro di tre mesi (un’estate, ndr), hanno dato alla luce, correggendo e impaginando con un programma molto complicato (e che conoscevano poco, ndr), la rivista in formato digitale.
Solo dopo averla vista, Gianmario Pilo, trovatosi davanti ad un progetto di alta qualità grafica e letteraria,  si è ricreduto, dando il consenso per proseguire con la stampa.
La rivista delle cavallette ha quindi una storia molto travagliata.
Finito il suo discorso introduttivo, Pilo passa il microfono a Silvia Trabalza (la mamma di Francesco Sosso, un alunno della scuola, ndr) e Lucia Panzieri, le organizzatrici della Piccola Invasione, l’articolazione del festival dedicata all’illustrazione per adulti e bambini.
A seguire, hanno fatto un breve intervento Silvia e Paolo (Ladittàrte) che hanno parlato della loro esperienza di caporedattori, sottolineando la sorpresa di fronte alla maturità dei ragazzi, per poi passare la parola direttamente a loro.
A rompere il ghiaccio Pietro Pedrazzoli, studente di quinta, e, tra gli altri, Teresa Gallina, di seconda, Francesco Sosso e Matteo Braghin, di quinta, che chiude la serata in uno scrosciare di applausi.

Le Cavallette