“Lo strappo nel cielo di carta”: è il titolo della mostra inaugurata venerdì 16 marzo allo ZAC! – Zone Attive di Cittadinanza (via Dora Baltea 40B – Ivrea).
L’esposizione è il frutto del lavoro di 12 ragazzi, molti dei quali sono studenti presso il Liceo Faccio, che per diversi mesi si sono incontrati per creare insieme, crescere insieme e mettere a frutto le proprie capacità.
Il progetto, ispirato al passo de “Il Fu Mattia Pascal” di Pirandello, è stato ideato e condotto da Francesca Dondoglio, giovane artista nata a Ceresito (BI) che ora vive e lavora a Torino dove ha conseguito la laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali.
Il laboratorio artistico ha coinvolto l’aspetto visivo, espressivo, emotivo e poetico; le opere escono dalla cornice e diventano un veicolo di trasmissione di concetti, emozioni e ricordi, aprendo l’orizzonte a scenari immaginari.
Oltre alla pittura e alla tecnica del collage, il corso ha dato ampio respiro alla sperimentazione fotografica, portando alla luce ritratti che “si aprono” a scoprire uno scorcio di Cielo. Insomma, ritratti aerei che sfidano la gravità.

Ecco alcuni dei protagonisti: da sinistra vediamo la conduttrice del corso Francesca Dondoglio, Maria Cristea (5D), Valeria Sacchi (5D), Luca Cavallo (già 5C) e Veronica Pellegrini (5C)

 

Lo strappo nel cielo di carta