Mercoledì 5 dicembre, dalle ore 8:00 alle 14:00, i ragazzi di 3N, 4N, 5N Design Ceramica incontreranno il Designer Roberto Castellano e svolgeranno attività laboratoriale. Verranno a conoscenza e praticheranno un’innovativa e personale tecnica di realizzazione di oggetti ceramici unici con gusto artistico/estetico.

 

Roberto Castellano, ex alunno del Liceo, frequenta prima l’indirizzo Arte della Ceramica poi prosegue allo IED, corso di Industrial Design a Torino, e infine svolge la professione presso L’Azienda di stufe La Castellamonte sita in Castellamonte.

Il materiale ceramico è il mezzo espressivo a lui più congeniale, moltissime le tecniche sperimentate nel corso degli anni, come altrettanto numerose le ricette di impasti e smalti.

Castellano, con questo incontro didattico laboratoriale ci presenta teiere, oggetti che rappresentano qualcosa di più della loro funzione pratica.  Nella loro creazione è stato preso in considerazione un ventaglio molto ampio di aspetti: la scelta della terra, degli smalti, della tecnica di foggiatura, della forma, della fragilità, della praticità ma di certo appena vi posiamo lo sguardo non possiamo non vivere una forte componente emozionale.

Viscerale, comportamentale e riflessivo; queste tre dimensioni s’intrecciano nelle teiere e ci proiettano mentalmente in diverse direzioni, anche in un altrove. Ci regalano un sogno d’esistenza di altre genti e usanze importate dall’Estremo Oriente, dal Giappone, ci richiamano il fenomeno del raku che concentra in sé una tradizione di spiritualità e insieme di materialità, di creatività e di manualità di riti e di usi, d’ideazione e di tecnica, una fenomenicità così complessa e di cosmica empatia. Lo sguardo, posato sulle teiere raccoglie risultati estetici di grande pregio e valenza, di naturalezza e gentilezza, di freschezza e di spiritualità.

I particolari lo attraggono, li nota e li esalta, un atteggiamento culturale che lo porta non soltanto ad osservare ma a scrutare e praticare con continua ricerca di forme, di materiali e tecniche. Lontano da ogni coinvolgimento alle tendenze di moda si pone con sapiente operare nelle tendenze innovative di poetica emozionale per volumi, superfici e funzione.  Un accumulo continuo di saperi che nel tempo ci ha donato  installazioni, opere d’arte e oggetti di design che alla loro vista ci emozionano perché carichi di estetica, di poesia, di ricerca e d’esperienza. Mai ha presentato una forma con volumi e linee banali, mai si è sottratto alla ricerca di una superficie. Campiture arse si alternano ad altre ricoperte di smalti senza passaggi  inconsueti della vibrazione della luce per il suo intercalarsi di segni, strappi e cromatismi.

Gli insegnanti di sezione, Sandra Baruzzi e Davide Quagliolo suoi ex professori, lo ringraziano per l’atto di restituzione al Liceo con l’incontro dei giovani studenti, con  il dono dei saperi di pratiche e stili del Design Contemporaneo oltre che il del suo tempo e attenzione.

Si allega nota critica di Walter Ruffatto in PDF

 

Teiere nell’Immaginario Ceramico con Roberto Castellano